ANALISI METEOROLOGICA DEL 26/11/2017 A CURA DI VALERIO STAVOLO

Analizziamo le condizioni meteorologiche previste sul nostro territorio regionale nei prossimi giorni. Nella giornata odierna assisteremo, specie nelle ore pomeridiane, alla genesi di fenomeni precipitativi sparsi anche a carattere di rovescio specie sul Reatino. Non escludiamo locali piovaschi sulla Capitale durante il primo pomeriggio. L’intensificazione del gradiente barico dovuta alla progressione meridiana della saccatura verso le aree balcaniche, alimentata da correnti artiche, favorirà dal tardo pomeriggio l’attivazione di forti correnti dai quadranti settentrionali. Nella mattina di domani le temperature al suolo registreranno valori in pianura intorno ai 3-4 gradi Celsius con valori ampiamente negativi del wind-chill durante le prime ore della mattinata. Sulla Capitale avremo una giornata fredda con venti di tramontana. Nevicate di debole o moderata intensità interesseranno le aree appenniniche laziali durante la notte tra Lunedì e Martedì con quota neve intorno ai 900 metri, più bassa sul versante abruzzese (700 metri slm). Nel complesso la giornata di Lunedì sarà caratterizzata da condizioni di bel tempo con assenza di fenomeni precipitativi significativi e venti forti dai quadranti settentrionali con raffiche anche superiori ai 50 km/h. La giornata di Martedì sarà ancora caratterizzata da condizioni di relativa stabilità atmosferica almeno fino al tardo pomeriggio. Successivamente assisteremo ad una intensificazione della nuvolosità con sistemi convettivi che si approssimeranno ai settori costieri laziali apportando rovesci e temporali durante la tarda serata di Martedì. Tali condizioni di maltempo si estenderanno in forma diffusa sul resto del territorio regionale durante la giornata di Mercoledì. Attese precipitazioni moderate e attività temporalesca su molte aree regionali, Roma compresa, con accumuli precipitativi importanti nelle aree interne del Basso Lazio. Giovedì tempo in miglioramento con residua fenomenologia precipitativa di debole intensità soltanto nelle aree interne montuose, nevosa oltre i 1100 metri slm. Venerdì e Sabato irruzione di massa d’aria di matrice artica con campo termico in marcata diminuzione e nevicate a quote collinari (da confermare).