Analisi Meteorologica

La giornata di Martedì sarà ancora caratterizzata da variabilità atmosferica che potrebbe generare, specialmente nel corso delle ore centrali della giornata, piovaschi sparsi  più frequenti nelle aree interne della regione. L’avvezione di aria polare marittima attiverà la genesi di una depressione tirrenica che già nel corso della giornata odierna favorirà su Toscana, Emilia e Marche nevicate a quote collinari e localmente fino in pianura. Il Lazio nel complesso rimarrà ai margini del peggioramento, ma sarà solo una fase momentanea, poichè dalla tarda mattinata è attesa una nuova perturbazione da Nord-Ovest che apporterà diffusamente precipitazioni a carattere di rovescio o temporale. Piccola parentesi merita il discorso neve. Tutto dipenderà dalla persistenza nei bassi strati del cuscino di aria fredda che in particolar modo nei settori interni potrebbe favorire nevicate da scorrimento a quote di bassa collina durante la prima parte della giornata di Mercoledì. Attualmente non ci sono le condizioni per la genesi di fenomeni nevosi al piano. Altra componente molto importante sarà la ventilazione che si disporrà dai quadranti sud-occidentali favorendo il repentino aumento della quota neve e abbassando ulteriormente le possibilità per lo sviluppo di nevicate alle quote basse.